Servizi della Delegazione Lazio Centro Nord
Scritto da Federico Lippi   
mercoledì 04 aprile 2007

E’ doveroso fare alcune considerazioni di carattere generale.

Da tempo ormai, grazie anche all’impegno di ADUSBEF, gli utenti cominciano a maturare  la consapevolezza del fatto che le Banche non sono onnipotenti e, come qualsiasi altra azienda sul mercato, debbono sottostare  alle leggi e  ai  regolamenti dettati dallo  Stato.

In genere i cittadini si rendono conto degli interessi troppo alti, sanno che  esiste l’anatocismo, che le spese possono essere ultralegali, ma  ancora non hanno consapevolezza di  altre anomalie  quale il lucro per valuta  e altre numerose discordanze dalla correttezza che un Conto o comunque un prodotto Bancario, può presentare. E’ necessario il controllo di un tecnico bancario che sia in grado di esaminare il contratto e il conto in tutti i suoi molteplici aspetti, non esclusi quelli legali; capita infatti con frequenza di trovarsi di fronte a contratti anomali , le cui anomalie, duole dirlo, a volte sfuggono anche all’occhio attento di  avvocati che non abbiano consuetudine di Banche.  I contratti anomali possono annullarsi solo davanti al giudice, che deve essere correttamente informato ed edotto.

Noi siamo qui appunto per aiutarvi a comprendere come effettivamente certi servizi funzionano, specie quelli bancari, e quali disfunzioni possono presentare.

In questa ottica, la Delegazione Lazio Centro Nord, in ottemperanza allo Statuto della Associazione, offre agli utenti dei Servizi prestati da Banche, Assicurazioni, Poste, Pubbliche  Amministrazioni,  Società  di telefonia, Energia,  Radiotelevisive, ecc. e consumatori tutti,   una serie  di  supporti indispensabili  per difendersi da  abusi ed errori di cui dovessero trovarsi ad  esser vittime.

In ambito bancario:  rilasciamo perizie e relazioni tecnico bancario legali, necessarie per chi dovesse  agire  in tribunale.

  • Controllo e ricalcolo dei conti correnti, con quantificazione di anatocismo,spese ultralegali, lucro per valuta, commissione di massimo scoperto, ecc..secondo  norme della  legge 7/3/96 n.108 (legge antiusura).
  • Controllo e ricalcolo dei mutui, seguendo norme legge antiusura e analisi delle condizioni negoziali e dei contratti.
  • Controllo dei contratti e dei crediti al consumo.
  • Controllo dei contratti e dei conteggi per prestiti ottenuti con cessione del quinto dello stipendio.
  • Controllo di contratti di leasing e factoring.

In pratica: analizziamo e controlliamo tutte le categorie di credito di cui alla legge su detta del 7/3/ 96 n.108. Per i calcoli usiamo il software Checkbank, ideato dal responsabile della Delegazione Federico Lippi  il Chekbank  rileva  ogni possibile anomalia, il lucro per valuta, le spese tutte, l’anatocismo, e la CAPITALIZZAZIONE DI SPESE ED IMPOSTE  (che   nonostante possa sembrare piccola cosa, in realtà non è mai cifra irrilevante, specie per i conti di lunga durata). Ovvio che la verifica viene fatta tenendo rigorosamente conto delle leggi vigenti: artt. 1193, 1194, 1282 III° comma, 1283,1284, del Codice civile, rispettando cioè sia le leggi imposte ai debitori, sia quelle imposte ai creditori.

Per quanto riguarda le altre tipologie di utenze di servizi pubblici o privati, offriamo consulenza tecnica legale mediante professionisti specializzati nelle varie materie costituenti lo staff di questa Delegazione,  disponibili  su tutto il territorio nazionale. Si fa presente che in caso di vertenza legale l’Utente sia per i mutui, sia per i conti correnti dovrà presentare al Giudice una RELAZIONE TECNICO BANCARIO LEGALE che dovrà accompagnare i conteggi; a richiesta la forniremo, come a richiesta il responsabile della Delegazione è disponibile per assumere incarico di CTP  (Consulente  Tecnico di Parte).

Può capitare che abbiate già fatto i conteggi per conto vostro: in questo caso li ricontrolliamo a richiesta e obbligatoriamente prima di rilasciare  la eventuale relazione tecnico-bancario legale  da presentare al Giudice.

I Legali faranno gratuitamente la prima consulenza, mentre le competenze dell’Avvocato avranno un costo a parte.


Delibera CICR del 9/02/2000: nota importante.

Le banche usano la delibera del CICR del 9/2/ 2000, per scoraggiare la clientela a prendere iniziative contro di esse. Affermano infatti che, a seguito di detta delibera, l’anatocismo non viene più applicato, perché viene capitalizzato anche l’interesse attivo. A prima vista la affermazione potrebbe sembrare giusta; in realtà le sole spese addebitate fagocitano interamente gli interessi creditori, che di fatto non si capitalizzano mai, mentre resta, e pesa sul conto, l’ANATOCISMO degli interessi passivi, che va calcolato.

Ultimo aggiornamento ( giovedì 21 giugno 2007 )