Cerca all'interno del sito le informazioni:
Ricerca personalizzata
Anatocismo
Mutui
Articoli
Le Brevi
Collegamenti web
FAQ
Da Scaricare
Newsletter
Segnalaci!

Vuoi segnalare il sito della Delegazione Lazio Centro Nord di ADUSBEF?

FedericoLippi.it
Copia il codice nel box qui sotto ed incollalo nel tuo sito web:

Oppure usa uno dei nostri Feed RSS o Atom cliccando su uno dei pulsanti qui sotto:

Tieni il tuo conto corrente sempre sotto controllo.
Calcola: Anatocismo, Spese, Lucro per Valuta;
Individua: Superamento Tassi Soglia d'Usura, corretta applicazione Commissione Massimo Scoperto.
www.checkbank.org
Sezioni
Da Scaricare
 
Home
Advertisement

Come augurio a tutti i cittadini di raggiungere al più presto un rapporto ottimale con il Settore del Credito, mi permetto di citare un intervento del Prof. EINAUDI espresso nel lontano 1930: 

Le Aziende di Credito esistenti in Italia non “paiono né troppe né poche. Sono troppe tutte quelle casse e banche – ora assai diminuite però, come si è visto, da allora -  che sono amministrate da asini, da ingordi, da dilettanti e da gente che vuol fare la banca per amor del prossimo.
Sono poche in confronto delle alcune altre migliaia di Banche che potrebbero utilmente lavorare in centri rurali, i quali ora ne sono sprovvisti, in altri centri, dove esistono solo filiali di grossi istituti affaccendate a pompar denari da rovesciare al centro e nelle stesse grandi città, dove gli istituti esistenti non abbiano saputo rispondere alle esigenze di ceti sociali pur bisognosi dell’aiuto della Banca”.

(EINAUDI, 1930)
Riportato nel Rapporto della
Commissione Economic

In questo secolo ci stiamo impattando contro le conseguenze proprio di questa fattispecie, ormai giunta al massimo della macroscopicità, fenomeno che nel 1930 sembrava cominciare a scomparire.

Federico Lippi

INDAGINE DI BRUXELLES SUI COSTI DEI SERVIZI BANCARI NELLA UE. PDF Stampa E-mail
Scritto da Federico Lippi   
mercoledì 23 settembre 2009

INDAGINE DI BRUXELLES SUI COSTI DEI SERVIZI BANCARI NELLA UE.
CONFERMATO QUANTO ADUSBEF E FEDERCONSUMATORISOSTENGONO DA VENTI ANNI

la Commissaria Kuneva qualifica costi dei servizi bancari offerti in Europa “incomprensibili ed opachi”.E’ la sintesi di una indagine che ha coinvolto 224 banche dell’Unione. Nel 66 per cento dei casi, i ricercatori, pur “esperti”, hanno dovuto chiedere spiegazioni rispetto alle normali informazioni bancarie. Il 10 per cento delle banche non riporta prezzi sui rispettivi siti web.

Non è per noi invece una novità il fatto che l’Italia sia prima in classifica circa i costi applicati alla clientela: costo medio annuo di un conto corrente pari a 253 euro; la più economica risulta la Bulgaria con 27 euro, passando per i 178 euro della Spagna, i 154 della Francia, i 103 della Gran Bretagna (17^ in graduatoria), gli 89 della Germania.La ricerca mette in evidenza che nel 2007 e 2008 solo il 9 per cento dei correntisti ha cambiato banca. In Italia la cosa si spiega con l’assoluta mancanza di concorrenza: tutti temono che cambiando banca si precipiti dalla padella nella brace.


RAncora una conferma, stavolta non “interpretabile” di quanto Adusbef e Federconsumatori vanno sostenendo da lustri.
Il nostro sistema bancario fa quindi pagare il prezzo più alto d’Europa ai servizi che offre; si approvvigiona di denaro a costi prossimi allo zero (tasso BCE all’ 1 per cento; euribor allo 0, 5; remunerazione dei depositi mortificante); ma lo presta all’11 per cento.Dopo aver scongiurato la Robin tax e ricevuto altre accortezze governative (come la reintroduzione di fatto della commissione di massimo scoperto), si tira fuori dal “giro”: gli altri si arrangino. Infatti le banche non accederanno ai Tremonti bond, che sarebbero dovuti servire per finanziare imprese e famiglie. Poco interessa loro che settore produttivo e consumatori arranchino.Il paese è in forte affanno, ma per le banche la crisi non c’è mai stata e stanno alla finestra. E’ la tipica posizione del parassita.
Certo non meritiamo questo sistema bancario.

Adusbef e Federconsumatori
Roma, 22 settembre 2009

 
< Prec.   Pros. >
 
Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Contatto diretto
Ultime Notizie
I piu' letti
La Posta
Quesiti dei Giudici e ricalcolo degli interessi- Posizione anomala di alcuni CTU

Quando il Giudice dispone il ricalcolo degli interessi passivi applicando la capitalizzazione semplice degli interessi, si intende che debba applicarsi la capitalizzazione annuale o nessun tipo di capitalizzazione?

 

 Grazie per l’attenzione. Cordialità.

Leggi tutto...
 
La Posta
Quesiti dei Giudici e ricalcolo degli interessi- Posizione anomala di alcuni CTU

Quando il Giudice dispone il ricalcolo degli interessi passivi applicando la capitalizzazione semplice degli interessi, si intende che debba applicarsi la capitalizzazione annuale o nessun tipo di capitalizzazione?

 

 Grazie per l’attenzione. Cordialità.

Leggi tutto...