Cerca all'interno del sito le informazioni:
Ricerca personalizzata
Anatocismo
Mutui
Articoli
Le Brevi
Collegamenti web
FAQ
Da Scaricare
Newsletter
Segnalaci!

Vuoi segnalare il sito della Delegazione Lazio Centro Nord di ADUSBEF?

FedericoLippi.it
Copia il codice nel box qui sotto ed incollalo nel tuo sito web:

Oppure usa uno dei nostri Feed RSS o Atom cliccando su uno dei pulsanti qui sotto:

Tieni il tuo conto corrente sempre sotto controllo.
Calcola: Anatocismo, Spese, Lucro per Valuta;
Individua: Superamento Tassi Soglia d'Usura, corretta applicazione Commissione Massimo Scoperto.
www.checkbank.org
Sezioni
Da Scaricare
 
Home
Advertisement

Come augurio a tutti i cittadini di raggiungere al più presto un rapporto ottimale con il Settore del Credito, mi permetto di citare un intervento del Prof. EINAUDI espresso nel lontano 1930: 

Le Aziende di Credito esistenti in Italia non “paiono né troppe né poche. Sono troppe tutte quelle casse e banche – ora assai diminuite però, come si è visto, da allora -  che sono amministrate da asini, da ingordi, da dilettanti e da gente che vuol fare la banca per amor del prossimo.
Sono poche in confronto delle alcune altre migliaia di Banche che potrebbero utilmente lavorare in centri rurali, i quali ora ne sono sprovvisti, in altri centri, dove esistono solo filiali di grossi istituti affaccendate a pompar denari da rovesciare al centro e nelle stesse grandi città, dove gli istituti esistenti non abbiano saputo rispondere alle esigenze di ceti sociali pur bisognosi dell’aiuto della Banca”.

(EINAUDI, 1930)
Riportato nel Rapporto della
Commissione Economic

In questo secolo ci stiamo impattando contro le conseguenze proprio di questa fattispecie, ormai giunta al massimo della macroscopicità, fenomeno che nel 1930 sembrava cominciare a scomparire.

Federico Lippi

Il famigerato mutuo Sonni Tranquilli, esce dalla porta e rientra dalla finestra.? PDF Stampa E-mail
Scritto da Federico Lippi   
lunedì 27 aprile 2009

 

In verità possiamo dire che il metodo truffaldino del calcolo  dei mutui tanto amato dai banchieri e dai bancari, non è mai uscito, sta lì come sempre,  comoda fonte di reddito per il Settore che fa orecchie da mercante.

 

Un utente bancario  denuncia alla nostra attenzione   di aver anni fa sottoscritto un contratto presso Notaio con  Banca Intesa, sono trascorsi diversi anni  e non ha mai ricevuto, nonostante le molteplici richieste da lui inviate, un Piano di Ammortamento né il metodo di calcolo delle rate,  l’Atto di Mutuo parla genericamente di Mutuo con calcolo di ""ammortamento alla francese". Inutile dire che anche recenti richieste di documentazioni e chiarimenti inoltrate alla banca presso cui  l'utente ha acceso il mutuo, sono rimaste inevase.

Riportiamo il fatto perché è esplicativo del modus operandi di molti Istituti: muro di gomma e tutto come sempre.

Vediamo cosa può nascondere il muro di gomma.

 

Parlare di sistema alla Francese sta ad indicare un metodo di ammortamento progressivo mediante una composizione di formule finanziarie sostituendo alla maniera francese il Tasso Nominale Annuo ( TAN) con il Tasso Annuo Effettivo ( TAE), che consente la capitalizzazione periodica a scadenza tura rata degli interessi corrispettivi propri del piano; in parole povere: un TAN del 10% a cadenza tura semestrale diventa del 10, 25% , mentre se la cadenza tura è mensile, diventa del 10,47%.

 

Questo sistema permette di ottenere con un tasso fisso le rate costanti, ma in caso di tasso variabile mantenendo a base l’ammortamento progressivo del capitale, modesto all’inizio e consistente alla fine, permette pure in presenza di entità delle rate variabili,la certezza della durata del rimborso.

Con il sistema da loro indicato invece si procede al calcolo di ciascuna rata periodica con il sistema francese su detto sula base di un tasso individuato precedentemente alla scadenza, per cui se al momento della scadenza il tasso dovesse  risultare superiore ovvero fossero aumentate le spese per gli oneri, o peggio ancora per gli interessi per ritardato pagamento, l’Istituto utilizza i pagamenti effettuati ai sensi degli artt. 1193 e 1194 del c.c. imputando le somme prima a saldo di ogni spesa, poi degli interessi anche di mora, ed infine in conto del capitale.

Per cui se la rata nuova richiesta fosse di 100, ma al momento della scadenza della stessa il tasso fosse tale che con 10 di spesa e 90 di interessi, questi sarebbero coperti dalla rata, vede bene che  di capitale non si è ammortizzato nulla. Per cui alla successiva scadenza si troverà a dover pagare interessi su un capitale non ammortizzato.

Ciò purtroppo comporta che alla prevista scadenza finale del rimborso lei corre il rischio di trovarsi un consistente capitale ancora da  ammortizzare, e che a termine di contratto dovrà essere pagato in unica soluzione, ovvero ripianificato.

Per approfondire :

http://www.federicolippi.it/content/view/46/28/

Ultimo aggiornamento ( lunedì 27 aprile 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
 
Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Contatto diretto
Ultime Notizie
I piu' letti
La Posta
Quesiti dei Giudici e ricalcolo degli interessi- Posizione anomala di alcuni CTU

Quando il Giudice dispone il ricalcolo degli interessi passivi applicando la capitalizzazione semplice degli interessi, si intende che debba applicarsi la capitalizzazione annuale o nessun tipo di capitalizzazione?

 

 Grazie per l’attenzione. Cordialità.

Leggi tutto...
 
La Posta
Quesiti dei Giudici e ricalcolo degli interessi- Posizione anomala di alcuni CTU

Quando il Giudice dispone il ricalcolo degli interessi passivi applicando la capitalizzazione semplice degli interessi, si intende che debba applicarsi la capitalizzazione annuale o nessun tipo di capitalizzazione?

 

 Grazie per l’attenzione. Cordialità.

Leggi tutto...