Cerca all'interno del sito le informazioni:
Ricerca personalizzata
Anatocismo
Mutui
Articoli
Le Brevi
Collegamenti web
FAQ
Da Scaricare
Newsletter
Segnalaci!

Vuoi segnalare il sito della Delegazione Lazio Centro Nord di ADUSBEF?

FedericoLippi.it
Copia il codice nel box qui sotto ed incollalo nel tuo sito web:

Oppure usa uno dei nostri Feed RSS o Atom cliccando su uno dei pulsanti qui sotto:

Tieni il tuo conto corrente sempre sotto controllo.
Calcola: Anatocismo, Spese, Lucro per Valuta;
Individua: Superamento Tassi Soglia d'Usura, corretta applicazione Commissione Massimo Scoperto.
www.checkbank.org
Sezioni
Da Scaricare
 
Home arrow Le Brevi arrow ADNKRONOS:COLDIRETTI, SCORTE DI PANE E PASTA POSSONO DURARE LA MASSIMO PER 7 MESI
Advertisement

ADNKRONOS:COLDIRETTI, SCORTE DI PANE E PASTA POSSONO DURARE LA MASSIMO PER 7 MESI PDF Stampa E-mail
Scritto da Federico Lippi   
venerdì 18 luglio 2008

ALIMENTI: COLDIRETTI, SCORTE DI PANE E PASTA POSSONO DURARE L MASSIMO PER 7 MESI

Roma, 18 lug. (Adnkronos) - Le scorte di pane e pasta in Italia possono durare al massimo per 7 mesi. Il quadro internazionale e' ''preoccupante'' e per superare la crisi non e' sufficiente l'aumento della produzione nazionale. Occorre quindi investire sull'agricoltura e aumentare ulteriormente la produzione nazionale e comunitaria. Il raccolto che si e' appena concluso puo' garantire scorte di grano duro per pasta pari a 4,5 milioni di tonnellate, sufficienti per sette mesi, e 3,5 milioni di tonnellate di grano tenero, che basteranno per sei mesi. I dati sono il risultato di uno studio presentato nel corso dell'assemblea nazionale della Coldiretti, alla quale hanno partecipato millecinquecento imprenditori agricoli e rappresentanti di cooperative aderenti alla maggiore organizzazione agricola italiana ed europea. Nonostante l'aumento consistente della produzione nazionale la ''disponibilita' limitata di scorte -spiega la Coldiretti- prefigura un quadro preoccupante con la chiusura delle frontiere e le limitazioni delle esportazioni da parte di molti paesi produttori di fronte all'emergenza cibo mondiale''. Le prospettive a livello internazionale afferma il presidente, Sergio Marini, ''evidenziano la necessita' per l'Europa e l'Italia di investire sull'agricoltura e aumentare ulteriormente la produzione nazionale e comunitaria, ma anche di garantirsi una propria riserva strategica di prodotti alimentari di base per stabilizzare il mercato interno e assicurare gli approvvigionamenti al giusto prezzo per imprese e consumatori''. L'andamento dei mercati mondiali e' dunque destinato ad avere effetti anche sul piatto principale della dieta mediterranea poiche'. Il calo dei consumi interni sono stimati rispettivamente pari al 5,5% e al 2,5% secondo elaborazioni di dati Ismea-Ac Nielsen sugli acquisti domestici nel primo trimestre 2008. (segue)

(Sim/Ct/Adnkronos)

18-LUG-08 11:06

Ultimo aggiornamento ( venerdì 18 luglio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
 
Creative Commons License
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Contatto diretto
La Posta
Quesiti dei Giudici e ricalcolo degli interessi- Posizione anomala di alcuni CTU

Quando il Giudice dispone il ricalcolo degli interessi passivi applicando la capitalizzazione semplice degli interessi, si intende che debba applicarsi la capitalizzazione annuale o nessun tipo di capitalizzazione?

 

 Grazie per l’attenzione. Cordialità.

Leggi tutto...